Cantine Fina….difficile dimenticarle

Facebooktwittergoogle_pluspinterestFacebooktwittergoogle_pluspinterest

“Forse trovarci sarà difficile, ma certamente impossibile dimenticarci…”

Così recita l‘homepage del loro sito. Devo dire che, grazie anche al navigatore, trovarli non è stato poi così complicato, ma di sicuro la vista che si gode da quest’altura non si dimentica. E’ un posto quasi magico dal quale si domina Marsala, Trapani, le Saline e tutte le Egadi. Una vista mozzafiato che ti mette in pace col mondo. In azienda in poche ore ti ritrovi a conoscere tutti, fino alla terza generazione, un bimbo nato da poco.

Bruno Fina è un grande imprenditore di quelli che umilmente riconoscono di dovere tanto anche ad altre persone. Nel suo caso lo lega una riconoscenza e un sincero affetto profondo alla figura di Giacomo Tachis, enologo di fama mondiale deceduto nel 2016 e innamorato perso della Sicilia. La loro intelligente e fortunata collaborazione ha dato vita a questa azienda che sa coniugare i vitigni internazionali con quelli autoctoni in maniera esemplare. Con il loro traminer aromatico si rischia la dipendenza. Sono passati 15 anni dalla loro prima vendemmia e oggi possono vantarsi di esportare in tutto il mondo alla stregua di altri nomi più famosi della vitivinicoltura.

Federica, il cui vezzeggiativo Chica, da il nome ad una loro etichetta , ci ha fatto da Cicerone all’interno della struttura accogliendoci in questa terrazza sul punto più alto dell’edificio. Lei è minuta e solare, ma anche strutturata come deve essere il vino che esce da una botte piccola. Se Kikè è dedicato alla figlia, il Mamarì è un elogio alla donna della sua vita, la moglie , con la quale Bruno ha anche ideato gli originali stemmi che contraddistinguono tutte le etichette  e che gli permettono di essere riconoscibile oramai in tutto il mondo.

Prova sul nostro sito il loro top di gamma : un blend di vitigni internazionali le cui percentuali cambiano di anno in anno, dedicato al “Caro Maestro” Tachis.

Se fate la visita in cantina il pomeriggio, poi spostatevi verso la riserva dello Stagnone ad ammirare le saline mentre scende il sole. Aspettate il tramonto. Sedetevi da Mammacaura a fare un aperitivo. Fine della giornata. Fine del mondo.

 

Autore: Cecilia Miraglia

Diplomata presso l'Associazione Italiana Sommelier lavoro nel mondo del vino dal 2000, collaboro con enti , scuole e privati sperando di appassionare sempre più persone a questo affascinante mondo.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestFacebooktwittergoogle_pluspinterest

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *